Cerca nel blog

Mediamond, nei primi nove mesi crescita tre volte superiore al mercato

Mediamond, la concessionaria che accorpa i prodotti digitali (web e mobile) di Mediaset e Mondadori, ha spento allo Iab Forum la sua prima candelina. “Il bilancio è molto positivo - commenta Davide Mondo, ad della struttura -, non solo perché siamo riusciti a creare una squadra di 27 professionisti con una forte sinergia con la rete di vendita di Mondadori Pubblicità, ma soprattutto perché nei primi 9 mesi la nostra crescita è stata tre volte superiore alla media del mercato (per FCP, oltre il 17% di incremento, ndr)”.

La proposta di cross-medialità, secondo Mondo, è sempre più apprezzata da un’utenza che “sembra rendersi finalmente conto che l’internet non è un mondo a parte e che comincia a capire quanto il mondo digitale possa dare il suo contributo nel fare copertura nonostante la frammentazione delle audience”.

Se nel 2010 l’obiettivo di riposizionamento dell’offerta e integrazione delle diverse piattaforme multicanale è stato raggiunto, per il 2011 Mondo prevede ancora per Mediamond “una crescita superiore alla media del mercato online (stimata da Binaghi e dai maggiori centri media nella forchetta tra +13 e +15%, ndr) grazie all’evoluzione del mobile. “I clienti cercano sempre più l’integrazione multicanale, affascinati dal nuovo, ma allo stesso tempo preoccupati di non abbandonare le certezze acquisite”. Il ‘nuovo’ saranno certamente i tablet: le apps di TgCom e Sport Mediaset vanno già alla grande su Apple Store, anche perché sono free e tali resteranno, mentre per le testate Mondadori - Grazia e Panorama ci sono già, a breve arriverà anche Donna Moderna - il modello è quello pay “e la divisione digital guidata da Vittorio Veltroni è al lavoro per la realizzazione di apps native per i tablet”, aggiunge Mondo. Sui tablet i periodici sono presenti con un pdf che riproduce la forma cartacea, ma i clienti potranno aggiungere, ovviamente a pagamento, tutti i contenuti multimediali che vorranno e già la moda e la cosmetica, grandi clienti della stampa periodica, guardano a queste nuove prospettive con grande attenzione.

Nessun commento:

Posta un commento

Il Blog delle Relazioni Pubbliche