Cerca nel blog

L’Accademia Internazionale Costantiniana delle Scienze Mediche Giuridiche e Sociali conferisce l’attestato di Eccellenza al Cav. Roberto Zeno

Nella splendida cornice della Caserma “Cornoldi”, sede del Presidio Militare Esercito di Venezia e del Circolo Unificato di Presidio Esercito, l’Accademia Internazionale Costantiniana delle Scienze Mediche, Giuridiche e Sociali, in occasione della cerimonia d’incardinamento dei nuovi Illustri Accademici, ha conferito l’attestato di Eccellenza al Cav. Roberto Zeno, stilista e designer nonché Ambasciatore del Made in Italy nel Mondo.

La preziosa benemerenza è stata riconosciuta “A riconoscimento dei molteplici traguardi raggiunti nel mondo della moda, dove ha portato il made in Italy del brand ROBERTOZENO, stilista e designer, a successi internazionali ponendo in luce le sue eccellenti qualità umane, intellettuali, culturali e professionali.”

ROBERTOZENO è il brand degli accessori di moda e si configura come un riferimento consolidato del Made in Italy nel mondo. La sua titolarità appartiene alla ROBERTOZENO S.p.A., società con sede in Verona, nata come centro progettazione e produzione di articoli di alta gioielleria per iniziativa del designer italiano che le da il nome, negli ultimi anni l’azienda è entrata nel mercato degli accessori di moda seguendo gli stessi principi ispiratori: creare prodotti che rappresentino l’eccellenza dell’arte italiana.

La mission aziendale persegue il recupero dell’originario significato di “Stile Italiano” conferendo ad ogni prodotto le peculiarità storicamente distintive della tradizione e del gusto nazionale pur nel rispetto delle tendenze degli ultimi anni e dei mutevoli canoni della moda in generale.

L’Accademia Internazionale Costantiniana delle Scienze Mediche, Giuridiche e Sociali, è nata nel nome del celebre imperatore per costruire un ponte ideale tra Oriente e Occidente affinché pur nelle differenti specificità le due culture possano ritrovare quell’unità che l’impero romano era mirabilmente riuscito a conseguire.

Nessun commento:

Posta un commento

Il Blog delle Relazioni Pubbliche